• SOFTWARE & HARDWARE
  • SOFTWARE & HARDWARE
  • PRIVACY POLICY
  • Assistenza On Line


    Orario delle lezioni

     
    Orario delle lezioni...

    2 Giorni per la Pillerina pdf Stampa E-mail
      Scritto da Prof. S. Giannitto  11/04/2011
    Totale Visite: 5188

    Legambiente per il Plemmirio

    Continuano senza sosta le iniziative per far conoscere e valorizzare le bellezze naturalistiche della costa della Pillirina e scongiurare, di contro, l'edilizia selvaggia in quest'area della penisola Maddalena. Sabato 9 e Domenica 10 Aprile si è tenuta la "2 Giorni per la Pillirina", una manifestazione con tanti eventi dedicati a questo tratto di mare siracusano.
    Nel pomeriggio di sabato, alle ore 16, si è cominciato con un convegno presso il museo "Paolo Orsi", dove si è parlato delle tante vicende storiche che hanno interessato nel corso dei secoli l'area della Pillirina, a partire dalla guerra tra Siracusa ed Atene. Oltre che da un punto di vista storico ed archeologico sono state illustrate anche le caratteristiche naturalistiche, religiose ed economiche del Plemmirio. Domenica 10 aprile è stata anche per i nostri studenti coinvolti nel Progetto PON "AMBIENTE E TERRITORIO" -Azione C3 una vera e propria giornata di festa alla Pillirina.
    Si sono susseguite visite guidate, itinerari in bicicletta, volo di aquiloni, tanti sport acquatici (canoa, vela, diving), attività per bambini come una caccia al tesoro, letture teatrali e musica con Peppe Qbeta. Il rischio cementificazione ha in questo caso veramente fatto riunire i siracusani per salvare e per far rivivere uno dei luoghi naturalistici più belli della nostra Siracusa.

     

    Ecco alcune foto della manifestazione
    foto 1 foto 2 foto 3


    Aquiloni
    foto 4 foto 5 foto 6


    Enzo Maiorca e gli studenti del "M.Bartolo"
    foto 7 foto 8 foto 9


    Le postazioni militari del 1943
    foto 10 foto 11 foto 12


    Altre foto della costa
    foto 13 foto 14 foto 15


    Aderisci a Sos-Siracusa!

    Visualizza il file in formato PDF
       PDF

     

    Lascia un commento

     

    Diffondi la notizia, condividi con i tuoi amici utilizzando i bottoni sotto: