• SOFTWARE & HARDWARE
  • SOFTWARE & HARDWARE
  • PRIVACY POLICY
  • Assistenza On Line


    Orario delle lezioni

     
    Orario delle lezioni...

    I due amici pdf Stampa E-mail
      Scritto da Salvatore Guastella VA (ITIS)  16/04/2011
    Totale Visite: 5240

    Amicizia

    La novella “I due Amici”di G. Maupassant rappresenta un chiaro esempio della grandezza narrativa attraverso la quale , l’autore francese, osserva e ritrae il mondo che lo circonda.
    Il contesto culturale si snoda nella Parigi del 1870, affamata, agonizzante, bloccata, assediata dai Prussi!
    Elementi chiari che ci permettono di capire un periodo storico difficile ovvero quello della guerra, dove le persone si cibavano di qualsiasi cosa.
    Maupassant , autore naturalista, privilegia nella novella i gesti e le immagini e ritrae, aderendo fedelmente alla correte positivista , i dati reali ma suggestivi di quell’ambiente triste e spietato , sfondo di una guerra che non conosce “nessun amico”.
    L’unico paesaggio diverso è il lago dove “ i due amici” ritrovano la loro armonia in una semplice e complice passione: la pesca.
    I personaggi Morrisot , mite e pacifico orologiaio, e Sauvage , merciaio altrettanto mite e tranquillo.
    Significativo appare il rapporto attraverso il quale i due amici, senza grandi parole , comunicano, utilizzando gesti o semplici riferimenti al paesaggio circostante.
    Una novella schietta, sincera che non usa giochi retorici, ma si attiene alle emozioni vere di una profonda amicizia .
    Attraverso un’ analessi , l’autore ci riconduce nel giorno in cui i due amici si incontrano e ripensano alle belle giornate trascorse a pescare, dimenticano il clima ostile della guerra e spinti dalla loro grande passione , decidono di tornare a pescare, il caso li farà incontrare ma l’esito di quel momento “di svago” si trasforma in tragedia, perché vengono sorpresi dai militari prussiani , rifiutano di proferire la parola d’ordine, che avrebbe consentito loro di rientrare nelle linee francesi, pertanto vennero freddamente fucilati . Amicizia
    I due muoiono da eroi, senza riuscire a trattenere la paura ma accettano con coraggio il proprio destino.
    Emerge chiaramente nella novella la concezione pessimistica della vita e dell’uomo , la convinzione che la vita non è fatta di grandi “esistenze” ma piccoli momenti in cui l’uomo può riscattare la propria esistenza.
    Questa visione emerge durante la descrizione dei personaggi delineati non solo nel loro aspetto esteriore ma nella complessità del loro “essere “ e nella loro psicologia.
    L’elemento tragico ci commuove , ci riporta ad una realtà crudele caratterizzata dalla legge darwiniana in cui il più forte predomina sul più debole.
    La dura legge non ha solo caratteri letterari ma assume connotazioni reali: la guerre , le lotte, l’odio fra gli uomini determinano la morte , sovente dei più deboli.
    La forza dell’amicizia, l’amore e la condivisione di una passione ci permettono di cogliere i significati più autentici della vita, l’odio e il desiderio di vincere , ci conducono alla morte .

    Salvatore Guastella VA (ITIS)

    Visualizza il file in formato PDF
       PDF

     

    Lascia un commento

     

    Diffondi la notizia, condividi con i tuoi amici utilizzando i bottoni sotto: