• SOFTWARE & HARDWARE
  • SOFTWARE & HARDWARE
  • PRIVACY POLICY
  • Assistenza On Line


    Orario delle lezioni

     
    Orario delle lezioni...

    Il pianista pdf Stampa E-mail
      Scritto da M.Adorno  15/11/2010
    Totale Visite: 5197

    Il pianistaQuesto film di Roman Polanski racconta la storia di Wladyslaw Szpilman,  un pianista di talento, ebreo polacco vissuto a Varsavia durante il periodo dell'occupazione tedesca. Nel film, il regista polacco fa tesoro anche dei propri ricordi personali e del libro scritto dallo stesso Szpilma , subito dopo la fine della guerra dice:
    "Nelle sue memorie ci sono polacchi buoni e polacchi cattivi, ebrei buoni ed ebrei cattivi, tedeschi buoni e tedeschi cattivi...".
    Quella di Wladyslaw Szpilman è una vera e propria odissea. Dapprima rinchiuso nel ghetto costruito dai tedeschi per gli ebrei di Varsavia (un lungo muro di mattoni nei quali gli ebrei vivono come reclusi) assieme alla sua famiglia, Szpilman riesce a fuggire poco prima della deportazione nei campi di concentramento dove invece finirà tutta la sua numerosa famiglia (padre, madre, un fratello e due sorelle).
    Da questo momento in poi inizierà a vagare, nascondendosi in vuoti appartamenti dove coraggiosi polacchi davano asilo agli ebrei scampati alla deportazione. Dalle finestre di questi freddi rifugi assiste, solo ed impotente, al massacro dei suoi amici, alle battaglie tra tedeschi e partigiani polacchi, fino all'arrivo delle guarnigioni russe che liberano la sua città.
    Il film, pur nella sua crudezza, ci regala momenti di rara poesia, sequenze nelle quali il genio romantico di Polanski dispiega le sue ali ammantanti. La scena iniziale nella quale Szpilman deve interrompere un concerto alla radio polacca mentre questa viene bombardata dagli aerei tedeschi; la Fotogrammi de il pianistasequenza in cui si esibisce al piano davanti all’ ufficiale tedesco Wilm Hosenfeld che sedotto dalla sua bravura lo aiuterà a nascondersi; le apocalittiche riprese del ghetto di Varsavia ormai completamente distrutto dopo la fuga dell'esercito germanico: tutte prove di grande cinema alle quali è difficile resistere.
    Polanski, come peraltro già fece Spielberg con "La lista di Schindler", è bravissimo nel rappresentare il dato psicologico della gente ebrea di fronte al terribile fenomeno dell'olocausto. Essi sono dapprima increduli, fatalmente convinti che tutto ciò non potrà arrivare alle estreme tragiche conseguenze. Poi, con il peggiorare degli eventi, subentra un senso di disorientamento ed una assoluta incapacità di comprendere quale debba essere l'atteggiamento giusto per cercare di salvare la propria vita e quella dei propri cari. In realtà, ci si rende conto, che non esiste una soluzione, una via di uscita, perché di fronte alla cieca brutalità delle teorie naziste non esiste un granello di ragione che possa far inceppare l'inumano meccanismo.
    Queste caratteristiche le ritroviamo anche nel personaggio di Szpilman. Interpretato dall'attore americano Adrien Brody ("La sottile linea rossa", "Bread and roses"), Szpilman sembra accettare tutte le disgrazie che gli piovono con rassegnazione. Giobbe moderno, assiste inane alla tragedia che gli si dispiega attorno. Quella che potrebbe sembrare una colpevole inattività è, in realtà, un'assoluta certezza di nulla potere di fronte all'urlo nero della violenza nazista.
    La musica, la sua passione, lo rende agli occhi del tedesco diverso dagli altri: lo rende un uomo, non più un numero. Grazie alla passione in comune, appare agli occhi dell’ufficiale un suo simile, un uomo e lo sottrae definitivamente da quella che era una massa di individui resi identici dalla stella gialla attaccata al petto, trasformati in numeri infinitamente uguali che l’ufficiale aveva ucciso o aveva dato l’ordine di uccidere.
    Anche in situazioni in cui il senso di umanità e il significato stesso di “essere umano” viene vilipeso, mortificato, oltraggiato, si trova sorprendentemente la possibilità di sopravvivere attraverso e grazie alla propria arte. Sebbene il protagonista desideri più volte suicidarsi pur di non consegnarsi ai Tedeschi, che lasciano crudamente immaginare in quale stato di squilibrio si trovasse Szpilman, nei momenti più sereni non fa che rifugiarsi nella propria arte per condurre una vita normale, regolare, o meglio, illudersi di farlo: studia inglese, legge libri e fa mente locale sulle composizioni che suonava. Sarà questo a rivelarsi determinante, ottenendo la stima e l’aiuto persino di colui che, a prima vista, identifica come nemico.
    È questo il messaggio: non esiste il male assoluto, e anche di fronte alla perdita della dignità umana è possibile ritrovare la propria umanità aiutando e salvando un proprio simile.
    Wladyslaw Szpilman è morto il 6 luglio del 2000 all'età di 88 anni, dopo una prestigiosa carriera di concertista e compositore musicale.

    VIDEO

    Visualizza il file in formato PDF
       PDF

     

    Lascia un commento

     

    Diffondi la notizia, condividi con i tuoi amici utilizzando i bottoni sotto: