• SOFTWARE & HARDWARE
  • SOFTWARE & HARDWARE
  • PRIVACY POLICY
  • Assistenza On Line


    Orario delle lezioni

     
    Orario delle lezioni...

    Odifreddi e gli insegnanti di Pachino pdf Stampa E-mail
      Scritto da Corrado Cavaliere 4^A P.N.I  13/05/2011
    Totale Visite: 5258

    Odifreddi: C'è spazio per tutti Se qualcuno è ancora dell’idea che la Geometria sia soltanto un ammasso di regole da studiare e motivo di tanti debiti in matematica, sicuramente non avrà letto “Il grande racconto della geometria : C’è spazio per tutti”, che mostra al lettore, attraverso anche un ricco corredo iconografico, il valore encomiabile di questa disciplina che convive con noi e dentro di noi.
     “Apri dunque il tuo cuore alla matematica, e preparati a innamorarti”, con queste parole Piergiorgio Odifreddi, autore del libro, motiva il suo pubblico di lettori a cambiare la propria forma mentis offrendo argomentazioni salde e difficili da confutare. A fare da cornice alle varie tematiche di carattere filosofico e scientifico sono i riferimenti storici che offrono un quadro generale e completo, utile al lettore che intanto comincia a modellare il proprio pensiero su stampo di quello dell’autore. Lo “spazio” non costituisce soltanto un oggetto di studio scientifico ma andrà a coinvolgere anche il campo più “profondo” di noi, dunque i nostri sentimenti e le nostre azioni. Lo stile leggero e semplicistico che caratterizza il “Racconto” è compensato dalla preparazione culturalmente ricca dell’autore di cui i riferimenti a Gauss, Bolyai, Riemann e Lobacevskij, ne sono la dimostrazione. Nel percorrere passo dopo passo lo sviluppo della geometria nel corso dei tempi a partire da quattromila anni fa per proseguire con l’analisi delle antiche civiltà in cui comincia a geometriasvilupparsi il concetto di spazio, oltre a quello euclideo che è omogeneo, limitato e “a curvatura zero”, viene argomentato anche quello non-euclideo tipico delle riflessioni degli studiosi precedentemente citati. La passione dell’autore per tutto ciò che è di sapore  scientifico mette ancor più in risalto il suo scetticismo da definire in parte “apparente” in quanto l’intento è esclusivamente quello di evitare di sfiorare una teologia che potrebbe appannare le lenti di uno studioso chiamato a dipingere una realtà esclusivamente attraverso gli strumenti della ragione.
    Dunque non esitiamo a “sederci sulle spalle dei giganti per vedere più lontano” e come Newton che, sedutosi sulle spalle di Galileo e Keplero “per osservare il cielo con l’occhio della mente oltre che col cannocchiale”, anche noi possiamo andare oltre l’apparenza e gli stereotipi che spesso ci impediscono di allargare gli orizzonti della nostra conoscenza !

       Corrado Cavaliere 4^A P.N.I


    Il "M.Bartolo" incontra Odifreddi

    Alla quinta edizione del premio " Galileo per la divulgazione scientifica", organizzato dal comune di Padova, gli studenti ed insegnanti di Pachino incontrano il matematico Odifreddi e contribuiscono alla vittoria del suo libro " C'è spazio per tutti".

    Leggi l'articolo

    Visualizza il file in formato PDF
       PDF

     

    Lascia un commento

     

    Diffondi la notizia, condividi con i tuoi amici utilizzando i bottoni sotto: